VolterraTeatro 2012/Mercuzio non vuole morire ai nastri di partenza

photo: Stefano Vaja

Dopo la lunga fase preparatoria, Mercuzio non vuole morire, il grandioso progetto lanciato dalla direzione artistica di VolterraTeatro 2012, è finalmente giunto alla fase inaugurale.

Per la ventiseiesima edizione VolterraTeatro ha ideato una nuova formula che si è sviluppata a partire dall’idea visionaria del direttore artistico Armando Punzo: l’idea di portare, fuori dal carcere volterrano, il fermento legato al progetto Mercuzio non vuole morire, fino a invadere strade e piazze di Volterra, Pomarance e Montecatini V.C. coinvolgendo dunque tutto il territorio della Val di Cecina. Un irradiamento verso l’esterno volto a inglobare cittadini comuni nel sogno di ribellione di Mercuzio, il poeta shakespeariano, simbolo della leggerezza e della cultura, al suo destino di morte. Una grande folla di persone fatta da cittadini comuni, artisti, bambini, anziani, poeti e scrittori, contrade e rioni storici, associazioni sta arrivando dunque al forte richiamo di Mercuzio non vuole morire per trasformare le città in grandi spettacoli en plein air, come in un riverbero spettacolare di ciò che accade nel carcere.

Programma di Lunedì 23 Luglio

Il festival schiude le porte a tutti gli spett-attori giunti e si apre con una giornata all’ insegna dell’ arte visiva e dei linguaggi poetici.

Numerose le mostre in programma che gli spettatori potranno visitare da oggi e che costelleranno il fittissimo itinerario artistico del festival per tutta la settimana.

Da segnalare innanzitutto Mercuzio Furioso, mostra allestita nella sala espositiva di Via Turazza: Stefano Vaja, fotografo che da anni segue e documenta il lavoro della Compagnia della Fortezza, espone un racconto fotografico, un originale viaggio a ritroso per immagini nella storia della compagnia volterrana. (fino al 29 luglio)

Nella saletta del Giudice Conciliatore si espone, invece, l’ originalissimo progetto creativo dei Bubo Book di Susanna Manghetti e Alessandro Togoli/SMAT intitolato per l’ occasione Piccole invenzioni mercuziane (Progetto collana Piccole Invenzioni). Un’ idea inedita che invita tutti quanti lo desiderano ad immergersi nella tematica del festival per creare piccole invenzioni mercuziane, piccoli oggetti/libro che diventano subito oggetti d’arte. (fino al 29 luglio)

Lo spazio espositivo Il cappello di Feltro accoglie la suggestiva installazione di Giuseppangela Campus intitolata I sognatori di pane. Un viaggio visivo attraverso le esperienze dei “sognatori di pane” ; di coloro che, per cercare il pane e la vita, si spingono oltre i confini esteriori e interiori aprendosi a mondi sconosciuti e a spazi inesplorati.(fino al 29 luglio)

Estro e creatività sono le parole chiave di Circo, mostra di foto e disegni di Enrico Pantani e Carlo Gattai, due bizzarri artisti underground che raccontano l’Hamlice e si prefigurano il Mercuzio. Alle logge di Palazzo Pretorio/Mercuzio check point fino al 29 luglio.

Il pittoresco scenario di Montecatini V.C. all’ interno dell’ incantevole Castello Ginori accoglie, invece, Fuori dal Fuori, mostra personale di Renato Frosali ispirata alle performance degli attori della Compagnia della Fortezza. La mostra, già inaugurata l’ 8 luglio, sta riscuotendo grande successo e conta già un alto numero di visitatori. La mostra resterà aperta fino al 3 agosto.

 Da segnalare, inoltre, Mercuzi 2012, progetto fotografico di Pier Nello Manoni che immortala i cittadini protagonisti dell’ evento teatrale di massa in una imperdibile serie di ritratti d’autore. Il progetto, avviato già qualche settimana fa, vanta già un grande successo di partecipazioni e sarà visibile fino al 29 luglio nella vetrina del Consorzio Turistico in Piazza dei Priori a Volterra.

Mostre, installazioni, ma anche tanta poesia in questo giorno inaugurale del festival. Interventi poetici a sorpresa per Il Mercuziario, progetto che vedrà protagonisti, da oggi fino al 29 luglio, in una serie di interventi in diversi luogi e contesti cittadini, i poeti ospiti di Mercuzio non vuole morire: Lidia Riviello, Giacomo Trinci, Roberto Veracini, Fabrizio Parrini, Giuseppe Grattacaso.

Da segnalare, infine, per tutta la giornata, azioni nel centro storico di Volterra dei partecipanti al laboratorio promosso da Officina Rolandi e condotto da Massimo MarinoLa parola innamorata. Sguardi e voci per Mercuzio. Volantini, foglietti e tracce scritte lasciate in giro per le strade per un laboratorio di critica in cui si prova a fare a meno di internet a favore del gesto e del dialogo. (fino al 28 luglio)

 Una giornata ricca di appuntamenti con l’arte e la poesia, dunque, in attesa del debutto, fissato per domani, 24 luglio, dello spettacolo in carcere della Compagnia della Fortezza (prima parte di un progetto/spettacolo più grande che si completerà nelle giornate del 26/27/28, con l’evento teatrale di massa che si terrà nelle piazze rispettivamente di Montecatini V.C, Pomarance e Volterra).

Buon festival!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...