La terza giornata di festival: incontri di sogni e poesia

foto di Stefano Vaja

Dopo il grande successo ottenuto ieri alla presentazione dello spettacolo in carcere della Compagnia della Fortezza Mercuzio non vuole morire – La vera tragedia in Romeo e Giulietta (prima parte di un unico grande spettacolo complessivo che si completerà con il grande evento di massa all’aperto il 26,27 e 28 nelle piazze rispettivamente di Montecatini V.C, Pomarance e Volterra) prosegue ad alta velocità il percorso di Mercuzio non vuole morire/VolterraTeatro 2012 verso i momenti più caldi della settimana.

L’audace progetto, nato dall’ idea visionaria di Armando  Punzo, direttore artistico del festival, assume contorni sempre più definiti e rivela giorno dopo giorno tutto il suo carattere di straordinarietà.

Programma di mercoledì 25 luglio

 

Anche per questa giornata, l’agenda si prefigura ricca di appuntamenti.

Il progetto Mercuzio non vuole morire fa tappa, oggi, anche a Castelnuovo. Grande curiosità per la performance di danza verticale di Mattatoio Sospeso/ Cafelulé Danza Contemporanea verticale intitolata, significativamente, Mercuzio e la Regina Mab.

La decantata leggerezza di Mercuzio sarà incarnata da corpi che non cedono alla pesantezza e alla forza di gravità in una performance di Marco Mannucci e Alessandra Lanciotti che terrà tutti i presenti con il fiato sospeso. Il tuttosarà accompagnato dalle musiche eseguite dal vivo dal Maestro Marco Bellagamba. A Castelnuovo (Piazza XX Settembre) per la giornata di oggi e a Volterra il 28 Luglio.

Da segnalare, poi, l’inizio dell’atteso laboratorio Il corpo di Giulietta curato dalla compagnia Balletto Civile, che il 28 luglio presenterà anche una versione site specific per Mercuzio non vuole morire di Generale!!o l’azione di un fucile, spettacolo vincitore del premio My Dream. A condurre il laboratorio, il direttore artistico della compagnia, Michela Lucenti e Maurizio Camilli, i quali guideranno i partecipanti in uno studio sulle scene Romeo e Giulietta e Giulietta nella cripta. Lo studio, come per tutti gli altri laboratori già cominciati nella giornata di ieri, è finalizzato a una creazione originale per lo spettacolo di massa Mercuzio non vuole morire (26 luglio Montecatini V.C., 27 luglio Pomarance e 28 luglio Volterra.)

Proprio in stretta relazione con i laboratori teatrali s’innesta, nella giornata di oggi, un Performing Media Lab sull’azione attraverso i nuovi media interattivi e mobili, per espandere l’happening #mercuziononvuolemorire nel web. L’incontro, durante il quale gli spettatori-cittadini attivi saranno invitati a diventare performer a tutti gli effetti, è fissato per le ore 18.30 al Caffè dei Fornelli, ed è condotto da Carlo Infante.

Intanto proseguono le affollatissime repliche in carcere dello spettacolo della Compagnia della Fortezza, Mercuzio non vuole morire – la vera tragedia in Romeo e Giulietta (fino al 28 – Carcere di Volterra, ore 14.30, solo su richiesta e autorizzazione),in attesa della giornata di domani che vedrà, per la prima volta, dopo le numerose prove svolte nelle settimane scorse, l’uscita ufficiale dal carcere dello spettacolo che si irradierà nelle strade e nelle piazze dando vita a un irripetibile evento teatrale di massa in cui saranno coinvolti tutti i cittadini presenti.

Da ricordare, inoltre, i due appuntamenti aperti agli spettatori autorizzati all’ingresso in carcere: la mostra Tazebao sul marginedi Enrico Pantani e Sandra Burchi e l’incontro sulla poesia intitolato Il teatro della leggerezza pensosa ovvero l’elogio del rigore coordinato da Massimo Marino con interventi di Lidia Riviello, Erika Manoni, Giacomo Trinci, Roberto Veracini in cui saranno presentati un progetto per una installazione di video animazione dal titolo E Giulietta prese un pugnale… e si impiccò! e Rime per Incanto, un magnifico progetto di videopoesie, curato da Lidia Riviello e Erika Manoni.

Da segnalare tutti gli altri laboratori di Mercuzio non vuole Morire/ VolterraTeatro 2012, già partiti nei giorni scorsi, che hanno condotto a Volterra più di cento partecipanti da tutta Italia e anche dall’estero. Oltre al laboratorio di Michela Lucenti e Maurizio Camilli, cominciato oggi, si ricordano Fermo immagine condotto dal Teatrino Giullare di Enrico Deotti e Giulia Dall’Ongaro, La partitura fisica come creazione poetica condotto daPietro Floridia del Teatro dell’Argine di Bologna, Un corpo poetico curato da Antonio Viganò del Teatro la Ribalta. Alessandro Fantechied Elena Turchi della Compagnia Isole comprese sono invece i curatori del laboratorio intitolato Quando ero piccolo, da grande volevo diventare un libro. Marco Pasquinucci e Paola Consani della compagnia Officine Papage conducono il laboratorio Il coro e la misura. Il corpo di Mercuzio. Massimo Marino conduce, infine, il laboratorio di critica teatrale curato dall’Officina Rolandi dal titolo La parola innamorata, sguardi e voci per Mercuzio.

Da non perdere gli appuntamenti con l’arte visiva e con le mostre inaugurate nei giorni scorsi.

Proseguono fino al 29 luglio l’installazione degli artisti di GenerazioneInArte/Fotoimmagine intitolata Sogno, e Mercuzio Furioso, il racconto fotografico di Stefano Vaja.

Sempre fino al 29 sono visibili anche la mostra di Giuseppangela Campus, I sognatori di pane e il progetto creativo Bubo Book di Susanna Manghetti e Alessandro Togoli/SMAT intitolato per l’occasione Piccole invenzioni mercuziane (Progetto collana Piccole Invenzioni).

Da ricordare, infine, Circo, mostra di foto e disegni di Enrico Pantani e Carlo Gattai visibile sempre fino al 29 luglio e Fuori dal Fuori mostra personale di Renato Frosali aperta fino al 3 Agosto.

Prosegue, inoltre, Mercuzi 2012, ilprogetto fotograficodi Pier Nello Manoni egli interventi poetici a sorpresa de Il Mercuziario  che vedrà protagonisti, fino al 29 luglio, in diversi luoghi e contesti, i cittadini e i poeti ospiti di Mercuzio non vuole morire: Lidia Riviello, Giacomo Trinci, Roberto Veracini, Fabrizio Parrini, Giuseppe Grattacaso.

 Nel frattempo, a Pomarance, si prepara l’ imperdibile inaugurazione di domani a cura del Collettivo Artisti Pomarance (Mariangela Bondielli, Emanuele Cazzaniga, Claudio Gaiaschi, Giulio Gamberucci, Aroldo Marinai, Enrico Pantani, Giacomo Saviozzi, Enzo Scuderi, Sofia Stano)chepresenta Sogni dall’albero, installazione che ricostruisce, attraverso una serie di capannini,quello spazio sospeso tipico del capanno sull’albero, spazio in cui i sogni diventano accessibili, in cui ci introduce in una dimensione diversa da cui osservare ciò che c’è sotto con una prospettiva differente.(fino al 29 luglio)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...